Risparmiare l'acqua è una forma d'arte

Opere che valgono più di mille parole: è così che funziona meglio la sensibilizzazione contro lo spreco energetico

WhatsApp Share

 

Sono tantissimi i metodi per risparmiare l'acqua e il web è pieno di decaloghi che insegnano le regole base per non sprecare questo bene così prezioso: applicare riduttori di flusso ai rubinetti, chiudere l'acqua mentre ci si lava i denti o ci si fa la barba, prediligere elettrodomestici di classe A+ e usarli a pieno carico, riutilizzare l'acqua usata per innaffiare le piante, scegliere sciacquoni con lo scarico differenziato (o applicare metodi fai-da-te -come spiegato in questo video di Ecoseven) e molto altro ancora.

Ci sono artisti, però, che hanno deciso di abdicare alle parole in favore di vere e proprie opere d'arte per sensibilizzare le persone a questo problema.

Una di questi è Elisabeth Buecher che si è espressa sul risparmio dell'acqua della doccia con due opere che si inseriscono nel suo progetto My shower curtain is a green warrior (La mia tenda della doccia è un guerriero verde. Entrambe le opere sostenibili mirano a scoraggiare docce che durano più di quattro minuti: Spiky ha degli spuntoni sgonfi che diventano appuntiti passato il tempo giusto per la doccia, obbligando chi si sta nel box a uscire; mentre Trap si gonfia lentamente e se non si vuole rimanere intrappolati al suo interno si deve uscire dalla doccia prima dei fatidici quattro minuti.

L'altro artista è Yan Lu che ha deciso di puntare sull'emotività delle persone nei confronti di un piccolo e povero pesce (l'opera si chiama, infatti: Poor little fish) che sta in una boccia che sovrasta una fontana. Ogni volta che si apre uno dei tre rubinetti di questa fontana, l'acqua a disposizione del pesce diminuisce e solo quando si chiude il rubinetto viene reintegrata. Guardare il video che lo mostra è una vera sofferenza, ma in realtà Yan Lu ha spiegato che boccia e rubinetti non sono veramente collegati (meno male!).

Installazioni artistiche di questo tipo hanno l'obiettivo di provocare un dibattito attorno ai temi dell'acqua, ma anche e soprattutto di rendere le persone più consapevoli del loro consumo.

Salviamoci dalle tende assassine.

Salviamo il piccolo pesce.

Risparmiamo l'acqua.

 

E.C.