Sentirsi bene con il pilates

12 settimane di pilates possono migliorare alcune condizioni muscoloscheletriche croniche

I ricercatori dell'Università di Salford nel Regno Unito hanno scoperto che il pilates aiuta le persone con condizioni muscoloscheletriche croniche a sentirsi più agili e a gestire la loro condizione in modo migliore.

Questo studio, pubblicato sulla rivista Musculoskeletal Care, è stato il primo ad esaminare le sensazioni individuali legate alla pratica del pilates nella vita quotidiana delle persone con condizioni muscoloscheletriche croniche.

Nella ricerca, gli studiosi hanno cercato di esplorare le esperienze e le percezioni dei pazienti adulti, dopo aver seguito un programma di esercizi di 12 settimane.

Lo studio ha incluso dati relativi a 22 persone che soffrono di condizioni muscoloscheletriche croniche, come lombalgia non specifica, artrosi articolare periferica e una serie di condizioni post-chirurgiche. I partecipanti avevano un'età compresa tra i 36 e gli 83 anni.

I ricercatori hanno raccolto dati attraverso registrazioni digitali di quattro focus group in tre cliniche di fisioterapia del Nord-Ovest dell'Inghilterra.

Secondo quanto registrato, il programma causava miglioramenti fisici significativi, promuoveva anche uno stile di vita attivo, migliorando le prestazioni sul lavoro e negli hobby. Aumentava la fiducia dei partecipanti e migliorava il loro benessere psicologico e sociale. Inoltre, consentiva ai partecipanti di gestire la loro condizione in maniera indipendente.

Questi risultati suggeriscono che il pilates aiuta le persone a “funzionare meglio” e a gestire la loro condizione da sole. Migliora il benessere psicologico e sociale, aumentando la motivazione ad adottare uno stile di vita sano.

Insomma, basta davvero poco per sentirsi meglio.