Tinte sicure a base di grafene

Dal grafene si può ottenere una tintura per capelli efficace ed innocua

WhatsApp Share

La maggior parte delle tinte contiene sostanze chimiche tossiche, che fanno male alla salute e danneggiano il capello. Dal momento che i capelli sono ricoperti di squame, occorrono ammoniaca o ammine organiche per aprirle e fare in modo che le molecole di colore entrino. Questo processo e il perossido di idrogeno che viene utilizzato per attivare la reazione chimica rendono i capelli fragili.

In uno studio della Northwestern University, pubblicato sulla rivista Chem, i ricercatori hanno utilizzato il grafene, un materiale naturalmente nero, per realizzare una tintura in grado di resistere ad almeno 30 lavaggi senza l’utilizzo di sostanze chimiche. Il prodotto è stato poi testato su campioni di capelli umani biondo platino.

L’efficacia è stata attribuita alla struttura del grafene, una sostanza composta da fogli sottili e flessibili, che possono adattarsi a superfici irregolari. Il grafene, oltre a essere più sicuro, rende i capelli meno statici e non viene assorbito dalla pelle.

Alcuni degli ingredienti utilizzati nei coloranti per capelli in commercio sono cancerogeni o quantomeno dannosi. Tra questi, l’ammoniaca, il perossido, la p-fenilendiammina, il diamminobenzene, il toluene-2,5-diammina e il resorcinolo. Anche a piccole dosi, possono portare a gravi irritazioni a pelle, occhi e polmoni, immunotossicità, allergie, ustioni chimiche e vesciche al cuoio capelluto, e rottura e perdita dei capelli.

Aspettando la commercializzazione delle tinte a base di grafene, possiamo comunque fare affidamento su rimedi antichi, come l’Hennè o originali, come le bucce di patata.