La legalizzazione della marijuana in Canada

Il Paese di Trudeau diventa la seconda nazione al mondo a legalizzare la droga leggera per uso ricreativo

WhatsApp Share

Si tratta di una vera legge storica, quella sull'uso legale della marijuana ricreativa in Canada. Con una votazione a favore di 52 contro 29, il Canada è diventato la seconda nazione al mondo – e la prima del G7 – a far entrare nel mercato nazionale questa droga leggera. 

Il Bill C-45, altrimenti noto come Cannabis Act, nasce da una campagna del Primo Ministro Justin Trudeau per mantenere la marijuana lontana dai minorenni e ridurre i reati connessi. I primi passi di questo atto sono stati mossi nell'aprile 2017; successivamente la proposta è stato approvata dalla House of Commons (a novembre). Questo al Senato era l'ultimo passaggio prima di far diventare l'atto una mossa epocale.

A parte alcune nazioni degli Stati Uniti che, pure restando l'illegalità dell'Unione ne permettono il consumo – cosa che avviene anche in Olanda – l'Uruguay è stato il primo, e finora unico, Paese a legalizzare la produzione, la vendita e il consumo di marijuana: lo ha fatto nel dicembre del 2013.

E ora anche il Canada.

Sebbene il governo di Trudeau avesse inizialmente dichiarato l'intenzione di attuare la legge entro il luglio 2018, le province e i territori – che saranno responsabili della stesura delle proprie regole per le vendite di marijuana – hanno avvertito che saranno necessarie dalle otto a dodici settimane dopo l'approvazione del Senato per la transizione

Una volta che il disegno di legge sarà approvato formalmente, gli adulti potranno trasportare e condividere fino a 30 grammi di marijuana e potranno coltivare fino a quattro piante nelle loro case per uso personale. Ovviamente, però, ci saranno regole molto rigide per governare produzione, vendita e uso della marijuana che, infatti, potrà essere acquistata da province, territori o produttori con licenza federale – con una soglia minima per l'età del consumatore ai 18 anni.

Si prevede che il C-45 inneschi un mercato da un miliardo di dollari.