Pratiche di bioedilizia in Malesia

Il governo sta applicando politiche virtuose, ma il paese ha bisogno di nuovi interventi

WhatsApp Share

Sono stati recentemente pubblicati sull'Australian Journal of Basic and Applied Sciences i risultati di un esperimento promosso dall'Università Sains Malaysia.

Il governo malese è il più forte sostenitore della bioedilizia. Ha introdotto e implementato politiche che hanno incoraggiato lo sviluppo di tecnologie verdi che aiutano a preservare l'ambiente. Nonostante questo, l'edilizia green affronta, in Malesia, diversi grossi ostacoli: non ci sono conoscenze appropriate e competenze pertinenti, le regole sono poche e i regolamenti incompleti.

I ricercatori, per affermare questo, hanno condotto un sondaggio sui professionisti del settore. L'indagine si basava sulla compilazione di un questionario e i dati raccolti sono stati valutati tramite software di analisi statistica. Sulla base di queste analisi, i ricercatori hanno individuato quattro ipotesi plausibili (e, quindi, quattro possibili interventi) per spiegare la lenta crescita del settore.

Programmi educativi, linee guida chiare, piani, procedure e regolamenti sono i fattori alla base della problematica. Allo stesso tempo, sono i punti su cui il goveno malese dovrebbe lavorare per dare una risposta efficace al problema.

I ricercatori hanno concluso che la bioedilizia in Malesia si trova in una fase embrionale di sviluppo: con un supporto, il settore potrebbe davvero decollare, trasformando il resto dell'industria delle costruzioni.