I carotenoidi fanno bene all'udito

Carotenoidi come la luteina sono in grado di aiutare il cervello e l'udito

WhatsApp Share

Secondo un articolo comparso su Nutra Ingredients USA, sono tanti gli studi che hanno confermato l'effetto benefico della luteia e dei carotenoidi (contenuti anche nelle patate amercane) in generale sull'udito

Ad affermarlo anche il Professor Dr. Billy Hammond, autore di uno studio del 2014 che ha dimostrato che la densità ottica dei pigmenti maculari è legata alla cognizione generale nelle persone che soffrono di lieve deterioramento cognitivo (MCI).

Le macule sono aree circolari al centro della retina degli occhi umani. Sono responsabili dell'acuità visiva. Inoltre contengono molti pigmenti come la luteina e la zeaxantina, che possono essere analizzati per misurare le quantità di ciascun carotenoide nel corpo.

Nel 2017 Hammond ha approfondito, con diversi studi, il legame tra carotenoidi e udito.
"Questo lavoro è iniziato osservando che la luteina si trova in tutto il sistema nervoso centrale", ha spiegato. "I primi studi hanno esaminato quanto di essa fosse nella retina, ma poi è stata trovata in tutto il cervello e, in particolare, nella corteccia uditiva."

La corteccia uditiva è la parte del cervello che elabora suoni e altre informazioni uditive. Può distinguere tra segnali e rumore per interpretare ogni singolo suono. Alcune teorie collegano questa parte del cervello ad alcune forme di pensiero superiore, come la traduzione di altre lingue.

Questa e altre parti del cervello sembrano essere migliorate dai carotenoidi alimentari. I miglioramenti dell'acuità visiva e del cervello sono apparentemente mediati dalla quantità di luteina e zeaxantina nella macula e in altre parti importanti della retina e del cervello.

Hammond ha teorizzato che i carotenoidi aumentano l'efficienza dei neuroni nel cervello, rendendoli fattori significativi nella potenza cerebrale. A supporto della sua teoria la scoperta che sia la luteina che la zeaxantina sono state trovate nella corteccia uditiva.

I risultati dello studio del 2017 hanno infatti dimostrato che i livelli di luteina e pigmenti di zeaxantina sono collegati alla funzione corretta e ottimale del sistema uditivo.