Riso integrale e sistema cognitivo

Il riso integrale potrebbe ridurre le disfunzioni cognitive legate all'Alzheimer

WhatsApp Share

Alcuni ricercatori in Giappone hanno scoperto che l'Oryza sativa (riso integrale) può prevenire lo sviluppo della demenza. Nello studio, pubblicato sulla BMC Complementary and Alternative Medicine, il team ha utilizzato una tecnica ad alta pressione per aumentare la digeribilità e l'assorbimento del prodotto e ha testato sui topi gli effetti.

Sebbene l'O. sativa contenga nutrienti protettivi contro lo sviluppo della demenza, il corpo normalmente non riesce a metabolizzarli. Per questo motivo, i ricercatori della Doshisha University, della Shimane University e dello Shimane Institute for Industrial Technology in Giappone hanno migliorato la digeribilità e l'assorbimento del riso integrale, senza comprometterne la composizione nutritiva, utilizzando una tecnica di pressurizzazione.

In pratica, hanno pressurizzato riso integrale a 600 megapascal (Mpa). Successivamente, l'hanno somministrato a topi con e senza demenza. Hanno valutato la memoria di lavoro dei topi usando il test Y-labirinto all'inizio del trattamento e poi una volta al mese. I topi sono stati autorizzati a muoversi liberamente nel labirinto per otto minuti.

Rispetto ai topi di controllo alimentati con grano, i topi alimentati con riso pressurizzato hanno avuto prestazioni migliori. La quantità di beta amiloide era anche minore nei topi alimentati con riso. (La produzione di beta-amiloide è la causa principale del morbo di Alzheimer.)

Questi risultati hanno indicato che l'O. sativa altamente pressurizzata ha migliorato la disfunzione cognitiva dei topi SAMP8 attraverso la riduzione della quantità di beta amiloide.
Il gruppo di trattamento ha anche esibito funzioni motorie migliori rispetto agli altri topi.

In conclusione, il miglioramento della funzione cognitiva e la riduzione dei livelli di beta-amiloide nel cervello a causa della presenza di O. fortemente pressurizzata, ha suggerito che questo alimento può prevenire l'insorgenza della malattia di Alzheimer e altre forme di demenza.

Un altro elemento efficace nei casi di demenza? La vitamina e.