Mr. Facebook: 'Il futuro è la telepatia'

L'evoluzione della comunicazione arriverà all'ultimo stadio con la telepatia, questa la profezia di Zuckerberg

WhatsApp Share

Secondo Mark Zuckerberg in futuro 'penseremo qualcosa e i nostri amici la potranno percepire'.

Sembra uno scenario fantascientifico, ma in futuro potremmo non aver più bisogno di foto, video o messaggi: condivideremo pensieri, sensazioni ed emozioni nella maniera più immateriale possibile: da cervello a cervello.

Questo è ciò che ci attende secondo Mark Zuckerberg, il n.1 di Facebook. Come riporta l'ANSA, durante una delle periodiche sessioni di domande e risposte sul social network ha risposto così: 'Un giorno sarete in grado di pensare a qualcosa e i vostri amici potranno immediatamente percepire la stessa cosa'.

Il discorso si è allargato anche al tema dell'intelligenza artificiale; secondo Zuckerberg 'l'obiettivo di Facebook è creare sistemi migliori degli esseri umani nei sensi primari: vista, udito, eccetera'. E in effetti l'azienda sta sviluppando tecnologia anche sul fronte del riconoscimento, ad esempio è giù attivo oltreoceano 'Moments', l'algoritmo che ci riconosce in una foto anche se ci copriamo il viso.

Zuckerberg, tornando sulla telepatia, la propone come lo stadio finale della comunicazione: 'Ci sono poche ma importanti tendenze nella comunicazione umana che speriamo di migliorare. Prima abbiamo condiviso testi, ora postiamo principalmente foto. Nel futuro i video saranno molto più importanti. Dopo tutto questo verranno esperienze totalizzanti come essere immersi nella realtà virtuale e saranno la norma. Dopo avremo il potere di condividere tutta la nostra gamma di sensi ed esperienze emotive con la gente quando vorremo'

a.po

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy