Morti da inquinamento

Secondo l'AEA, 400.000 persone in Europa sono morte prematuramente a causa della cattiva qualità dell'aria nel 2016

Le centrali elettriche a carbone, le autostrade intasate dai veicoli, le fabbriche e i combustibili fossili: sono queste e molte altre le cause che hanno contribuito al crescere dell'inquinamento atmosferico in Europa. Le industrie, le famiglie e i veicoli emettono tutti pericolosi inquinanti che sono nocivi per la salute umana. A sottolinearlo è l'Agenzia Europea per l'Ambiente (AEA) che ha messo in luce la questione segnalando che nel 2016 oltre 400.000 europei sono morti a causa della scarsa qualità dell'aria.

Il loro report presenta una panoramica e un'analisi della qualità dell'aria in Europa dal 2000 al 2017, esaminano i progressi compiuti verso il rispetto degli standard di qualità dell'aria stabiliti nelle direttive dell'Unione Europea e verso le linee guida dettate dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

L'inquinamento atmosferico è dannoso per la società, danneggia le persone e, alla fine, crea anche un aumento nei costi sanitari. Attualmente, è il rischio ambientale più importante per la salute umana, dicono gli esperti.

Secondo l'OMS, «gli inquinanti con le prove più evidenti per problemi di salute pubblica includono particolato (PM), ozono (O3), biossido di azoto (NO2) e biossido di zolfo (SO2)». La presenza di inquinanti atmosferici prodotti dalla combustione del combustibile – sia da fonti mobili, come i veicoli, che da fonti immobili, come le centrali elettriche, l'uso di biomasse, le industrie o le abitazioni – significa che l'Europa ha seriamente bisogno di piani di qualità dell'aria più efficaci.

Viene spiegato da molte parti che l'inquinamento atmosferico è la causa di alte percentuali di mortalità globale, legate a veri malattie – nonché essere, come sappiamo, il colpevole principale anche per quanto riguarda i cambiamenti climatici – quindi, anche vista questa relazione, non possiamo far altro che convenire che è di certo questo uno degli obiettivi da centrare.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER