A Torino, un nuovo murale per la sostenibilità

La Lavazza ha commissionato un altro affresco su un palazzo del capoluogo piemontese che stavolta ci parla di energia pulita

Lavazza e la città di Torino hanno lanciato nel 2018 l'iniziativa «TOward 2030 – What are you doing?», un'iniziativa che punta a far diventare Torino – proprio entro la fine di quest'anno – «ambasciatrice dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite» grazie alla street art. 

L'ultimo obiettivo che è stato raccontato attraverso un murale è quello che riguarda le energie rinnovabili e la sostenibilità, l'obiettivo numero 7. La sua realizzazione è stata affidata all'artista Jorge Rodríguez-Gerada che ha dipinto una ragazza che tocca con il dito un pulsante con l'icona che rappresenta proprio l'obiettivo numero 7 di TOward 2030, lasciando scaturire intorno a sé un flusso di energia pulita.

Come ha raccontato proprio l'artista, tre miliardi di persone, ovvero il 41% della popolazione mondiale, cucinano ancora con un combustibile altamente inquinante e un miliardo di persone non ha elettricità. E soprattutto, l'elettricità, anche quando la si possiede, per la grandissima parte non è pulita. Al punto in cui siamo, ci dovremmo occupare del nostro futuro e del fatto che le fonti energetiche di domani devono, per forza di cose, essere rinnovabili.

Sicuramente la scelta di Gerada viene dal fatto che è un artista che, negli ultimi 20 anni, ha seguito un percorso che gli ha permesso di ritagliarsi uno spazio importante nell'arte contemporanea e, infatti, da dieci anni a questa parte, ha completato commissioni artistiche in tutto il mondo: prima di Torino, è stato dal Marocco all'Argentina, passando per il Texas.
Prima e dopo di lui, nel progetto di Lavazza sono stati coinvolti altri artisti internazionali, come Vesod, Zed1, The Hula e Louis.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER