ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Dl semplificazioni: testo ancora in alto mare, difficile Cdm domani**-Dl rilancio: più risorse dal 2022 per contratti formazione specialistica medici-Ue: Gualtieri, 'deve promuovere modello di civilizzazione della globalizzazione'-Regionali: Crimi, 'sì a percorso condiviso dove ci sono condizioni'-Fase 3: Gualtieri, 'impegnati in rilancio capacità di crescita Italia affrontando nodi strutturali'-Ue: Gualtieri, 'auguri a Germania, uno dei semestri più importanti per costruzione europea'-Berlusconi: avvocato Larosa, 'rispettata legge per investigazioni difensive'-Berlusconi: avvocato Larosa, 'rispettata legge per investigazioni difensive' (2)-Berlusconi: avvocato Larosa, 'rispettata legge per investigazioni difensive' (3)-Al via il Festival dello Spazio 2020-Spazio: al via il Festival 2020, a Busalla gotha Space economy e innovazione (2)-Spazio: al via il Festival 2020, a Busalla gotha Space economy e innovazione (3)-Governo: studentessa chiede selfie osè a Conte, il premier 'manteniamo distanze'-Sicilife, con Invitalia investimento di 320mila euro per turismo in Sicilia-Uni-Cni insieme per gestire al meglio sicurezza sul lavoro-Adapt: numeri Istat riportano al 2016, faremo conti con la crisi nel prossimo futuro-"Regione Lazio sostiene l’eccellenza formativa del Campus Peroni"-Dl semplificazioni: Conte avverte maggioranza, 'no riforma a metà, se annacquato niente Cdm'-Peroni, al via la raccolta dell'orzo 2020: il lockdown non ha interrotto la produzione-Peroni, "Investimento di 5 mln nella Malteria Saplo di Pomezia"

I rifiuti marini uccidono la fauna, danneggiano la pesca e compromettono il turismo

Condividi questo articolo:

Il danno annuale causato dai detriti in mare danneggia il settore della pesca nell’Ue per 61,7 milioni di euro

Nel Mar Mediterraneo galleggiano 250 miliardi di micro particelle di plastica. Sono il frutto di vari rifiuti, come mozziconi di sigarette, involucri di plastica per alimenti, bottiglie e tappi di plastica, sacchetti e lattine.

La fauna selvatica rimane ingabbiata in questi detriti; sono delle vere e proprie trappole che condannano a morte l’80% dei pesci che vi si imbattono. Inoltre gli stessi rifiuti si trasformano in un salasso di denaro per le attività di pesca, turismo, acquacoltura, navigazione ed energia.

Lo spiega il nuovo rapporto del Centro comune di ricerca della Commissione europea sulla minaccia che rappresentano i rifiuti marini per l’ecosistema di mari e oceani, la salute umana e le attività economiche. Si legge nel rapporto che “gli elementi in plastica hanno il più alto impatto dannoso diretto e indiretto”. Ogni anno milioni di specie che vivono negli oceani sono “debilitati, mutilati e uccisi dai rifiuti marini”.

E questi rifiuti danneggiano anche l’uomo: dal punto di vista economico si stima che il danno annuale della presenza di detriti in mare per il settore della pesca nell’Ue sia di circa 61,7 milioni di euro, in termini di minor gettito di catture e per costi che vanno dalla rimozione di attrezzi da pesca alle eliche rotte, e servizi di soccorso.

Inoltre uno studio olandese, citato nel rapporto, ha stimato in 6,7 milioni l’anno il costo totale per la rimozione di rifiuti marini in spiagge e coste di 32 Comuni situati nei sette Paesi della macro-regione Adriatico-Ionica.

Questo articolo è stato letto 1 volte.

ecosistema, mare, rifiuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net