Bèbè in arrivo, ma casa piccola? Come organizzarsi

Le principali regole per organizzare un angolo per il bambino in arrivo, anche in una casa piccola

 

Che bella la notizia di un bebè in arrivo. Ma come fare se casa è piccola? Tranquilli, fino a tre anni il bambino non ha per forza bisogno di una cameretta a sé. Potete organizzare per lui anche un piccolo angolo di casa, basta che sia semplice, areato, sicuro e che tenga ben presente le sue esigenze di gioco e di crescita.

È certamente importante che il bambino, fin dai primissimi mesi di vita, abbia un posto fisso dove dormire, di giorno e di notte. I bimbi hanno bisogno di seguire una precisa routine, percependo l’ambiente come prevedibile e rassicurante. Quindi è bene anche decidere un posto fisso dove poterlo fare giocare tutti i giorni: potete scegliere lo stesso posto sia per farlo divertire, sia per farlo dormire durante il giorno. Tenete presenti tutte le caratteristiche elencate precedentemente e abbiate cura di fare un'accurata pulizia ogni giorno. Pensate anche ad un posto in cui, mentre riposa il pomeriggio, è possibile attenuare la luce. 

Colorate l'angolo del vostro bebè: ricordate, semplice ma bello e vivace. Posizionate, magari, qualche quadretto colorato o un poster dei cartoni animati. Non dimenticare mai oggetti di piccole dimensioni nell'angolo del bebè: preferite, quindi, un posto in cui potete essere con lui mentre gioca, ma non un posto dove cucite e fate lavoretti.

Quando il vostro bambino inizierà a gattonare, posizionate a terra un tappeto di gomma, lavabile. E, ovviamente, togliete dalla sua portata tutti gli oggetti che potrebbero ferirlo o che potrebbe rompere, come le lampade da terra, le piante e quanto altro abbiate in casa.

gc

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER