Dimostrato l’effetto anti-tumorale dei crisantemi

Secondo uno studio, la crisantemina inibisce la crescita delle cellule tumorali della prostata

Un recente studio ha indagato gli effetti della crisantemina sulle cellule tumorali della prostata umana PC-3. La crisantemina è un principio attivo che può essere isolato da diverse piante, come l’hibiscus e ovviamente il crisantemo, ma anche dal sambuco, dal litchi, dalle pesche e dai semi di soia. 

Nell’esperimento, i ricercatori l’hanno utilizzata nel trattamento delle cellule del cancro alla prostata, rilevando evidenti segni di apoptosi (morte programmata delle cellule), compresa la condensazione della cromatina e il restringimento cellulare.
I risultati sono stati pubblicati sull’ African Journal of Traditional, Complementary and Alternative Medicines.

Non è la prima volta che la medicina parla dell’effetto del crisantemo sulla salute. Si tratta di una pianta della famiglia dei girasoli utilizzata da tempo nella fitoterapia e nella medicina. Alcune ricerche hanno dimostrato la sua efficacia nei casi di diabete e nelle malattie delle ossa.

Per quanto riguarda il tumore alla prostata, invece, bisogna sottolineare che questo tipo di trattamenti riguarda le prime fasi della malattia. La ricerca sta facendo passi da gigante, ma la miglior cura rimane in ogni caso la prevenzione.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER