Nelle ossa c’è un ormone che frena l’appetito

Condividi questo articolo:

Si aprono nuove strade per combattere obesità e diabete

La lotta all’obesità ha un nuovo alleato: si tratta di un ormone che si trova nelle ossa e che può ridurre l’appetito agendo sul cervello.

Lo hanno scoperto dei ricercatori della Columbia University Medical Center (CUMC). Tra loro c’è anche l’italiano Antonio Maurizi.

Si tratta della ’lipocalina 2’, una molecola, spiega l’Ansa, in grado di superare la barriera ‘emato-encefalica’ (il ‘muro di cinta’ microscopico che protegge il cervello da incursioni pericolose attraverso il sangue) ed agire direttamente nell’ipotalamo, dove è localizzato il centro di controllo dell’appetito. Gli esperti hanno visto nei topolini che la lipocalina 2 controlla e tiene a bada l’appetito. Poi in esperimenti su pazienti con diabete 2, gli scienziati hanno visto che minore è la concentrazione sanguigna di lipocalina 2, più questi pazienti risultano obesi e con difficoltà a gestire la malattia, a tenere sotto controllo nel lungo termine la quantità di zucchero nel sangue. Grazie alla lipocalina 2 potremmo attenderci delle nuove cure contro obesità e diabete.

Questo articolo è stato letto 2 volte.

diabete, obesità, ormoni, ossa, ricerca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net