Proteggere il cervello con l’erba Coptis Chinensis

Condividi questo articolo:

Questa antica erba cinese potrebbe trattare efficacemente malattie neurodegenerative, come il Morbo di Parkinson

I ricercatori hanno scoperto un nuovo potenziale trattamento per il Parkinson. Uno studio pubblicato sull’American Journal of Chinese Medicine ha rivelato, infatti, che il Coptis Chinensis potrebbe essere un rimedio di straordinaria imporanza in caso di malattie associate allo stress ossidativo.

La malattia di Parkinson è una malattia neurodegenerativa che ostacola il movimento. Le persone con questa patologia possono sperimentare tremori, principalmente nelle mani, bradicinesia o lentezza del movimento, rigidità negli arti e problemi di andatura e di equilibrio.

Il team di ricercatori, provenienti dalla Germania e dalla Cina, ha esaminato gli effetti neuroprotettivi di questo antico rimedio nei modelli animali della malattia di Parkinson.

I risultati hanno mostrato che il pre-trattamento con l’estratto di Coptis Chinensis portava significativi aumenti della vitalità cellulare e della concentrazione intracellulare di ATP. Inoltre, attenuava la morte cellulare programmata.

Esaminando gli alcaloidi della pianta, i ricercatori hanno scoperto che i principali responsabili dell’effetto neuroprotettivo osservato erano la berberina e la coptisina. Tuttavia, l’estratto integrale del Coptis Chinensis era più efficace dei singoli alcaloidi testati.

Un altro importante passo in avanti nel trattamento di una delle patologie più invalidanti di questo millennio.

Questo articolo è stato letto 12 volte.

cervello, Coptis Chinensis, parkinson, protezione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net