Stampiamo un cuore

Grazie ad una nuova tecnica, gli scienziati hanno stampato parti funzionali del cuore in 3D

Sappiamo bene che con la stampa 3D ormai sono stati raggiunti traguardi di ogni tipo: da una bioplastica fatta di alghe a un'intera Lamborghini.

Recentemente, però, un team di ricercatori dell'americana Carnegie Mellon University è riuscito a fare qualcosa che nessuno aveva ancora fatto: stampare componenti funzionali del cuore umano, inclusi piccoli vasi sanguigni e grandi ventricoli, in 3D, con una nuova tecnica niente affatto scontata.

Riuscire a stampare tessuti artificiali che ricalcano le principali proprietà strutturali, meccaniche e biologiche dei tessuti naturali non è facile, è una stampa particolarmente impegnativa. Le forme complesse, infatti, devono essere supportate mentre vengono stampate, altrimenti iniziano a deformarsi. Per ovviare a questo problema, il team ha stampato usando delle impalcature temporanee di supporto composte da collagene – come viene spiegato in un articolo pubblicato sulla rivista Science.

Grazie a questa tecnica, gli scienziati hanno portato a termine con successo la stampa 3D di cinque componenti del cuore umano, che coprono dimensioni piccole come quelle dei capillari, fino ad arrivare a scalature molto impegnative, come quelle degli organi completi – che sono stati convalidati per la funzione dei tessuti e delle altre componenti.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER