IL BRASILE CHE NON TI ASPETTI: NIENTE MOVIDA, SI SCOPRE LA TRADIZIONE

Una vacanza lontana dalla sabbia di Copacabana, dai balli sfrenati nei locali di Rio. Un viaggio per scoprire la parte più tradizionale del Brasile, una terra enorme e per lunghi tratti poco conosciuta.

Cosa ci si aspetta da una vacanza in Brasile? Spiagge, samba, notti brave in giro per i mille locali della movida.

Ma il grande paese sudamericano è anche altro. Ha un enorme patrimonio artistico, culturale e soprattutto ambientale da offrire ai turisti.

Scegliendo un viaggio ’responsabile’ si può scoprire l’altro volto, quello lontano dalle luci delle discoteche o dalle lunghe giornate in spiaggia.

Spazio allora a serate a teatro, spettacoli di musica afrobrasiliana, visite guidate in favelas e pernottamenti in fazendas nell’agreste. Una vera e propria esperienza originale, per chi ama un tipo di turismo alternativo a quello tradizionale offerto dalla maggior parte degli operatori del settore.

Lo scopo di un simile viaggio è effettivamente quello di offrire all’estero l’immagine di un paese che non è solo preda del consumismo più sfrenato, ma che ha un’anima popolare al suo interno, ricca di storie e tradizioni.

Ad esempio si seguiranno da vicino le orme di Virgulino Ferreira da Silva, detto ’Lampiao’, leggendario capo di una banda di fuorilegge che terrorizzò il Brasile nordorientale tra 1920 e il 1930. Si potranno ammirare gli sterminati campi coltivati dell’entroterra, ad esempio con canna da zucchero. Oppure ci si potrà avventurare a Maceiò, la capitale dello stato di Alagoas, che presenta una struttura urbanistica con costruzioni di tipo moderno lungo il litorale mentre a ridosso di quest’ultima si estende la parte vecchia con edifici religiosi e di stile coloniale. Naturalmente l’organizzazione del viaggio è tutta tesa al rispetto delle comunità locali, con cui i tour operator collaborano in modo stabile. Bandito l’utilizzo di mezzi a motore sulle spiagge o nelle acque.

Il costo dei pacchetti è di 1.200 euro a persona, volo escluso, per due settimane e 1.500 per tre settimane.

Umberto Di Giacomo

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER